Come arredare casa in stile Total White

Come arredare casa in stile Total White

Come arredare casa in stile Total White

Commenti disabilitati su Come arredare casa in stile Total White

La semplicità e la naturalezza del bianco lo renderanno sempre un colore di tendenza per l’arredamento e per l’interior design. Se il tuo desiderio è comporre degli ambienti dal look Total White per esaltare l’eleganza del tuo appartamento, ti sarà di certo utile questa nostra guida di approfondimento sul tema nella quale analizzeremo tutte le modalità in cui è possibile applicarlo, gli errori da evitare e gli strumenti per enfatizzare la sua resa per ottenere risultati ancora più efficaci.
Un sentito ringraziamento per i consigli e i chiarimenti che ci sono stati forniti lo dobbiamo ai consulenti di interior design dello showroom Tolomello Mobili, una affermata realtà per la vendita e l’esposizione di arredamenti a Napoli: è con loro che ci siamo interfacciati per conoscere meglio anche i trucchi del mestiere.

Sperimentare con il bianco

Puntare su un colore unico o comunque predominante per l’arredamento di casa è senza dubbio l’indizio di una forte personalità che non teme la ricerca di nuove soluzioni e non ha paura di sperimentare e di osare. Del resto dalle indagini di mercato risulta proprio questo uno dei nuovi e più ricercati trend per arredare casa!

Orientarsi sul predominio del bianco vuol dire anche assecondare tutte le evoluzioni della tecnologia, basti pensare alla composizione di una parete attrezzata per la zona living, nella quale è possibile grazie agli arredi modulari inserire qualsiasi elemento, dai vani a giorni a quelli con ante fino alle librerie o ai pensili, circondando un televisore imponente e di nuovissima generazione.
La composizione risulterà un trionfo di hi-tech anche grazie al minimalismo ed alla purezza espressi dal bianco.

Gli arredi vanno limitati

Proprio per le sue caratteristiche di forte personalità e per l’intrinseca sua vocazione minimal il bianco per la composizione degli arredi ha però bisogno, da parte di chi arreda casa, di contenersi e di non esagerare in quanto a numero di pezzi.
Il Total White ha infatti il compito di esprimere essenzialità e funzionalità che tra di loro devono procedere a braccetto garantendo il massimo della visibilità: per gli spazi ampi, l’eccesso di arredi bianchi rischia di far ottenere un effetto “ingolfante” e di penalizzare l’ariosità sulla quale si è deciso di puntare; diverso il discorso per quegli ambienti dalla metratura più ridotta, nei quali contenere il numero di elementi di arredo diventa una necessità ma che proprio grazie al bianco riescono a guadagnare in luminosità ampliando quindi la percezione dello spazio grazie al potere riflettente della luce che è prerogativa di questo colore.

Sfruttare la luce e i contrasti cromatici

C’è un essenziale trucco da mettere in pratica nell’allestire un appartamento con look Total White: lasciare entrare quanta più luce naturale è possibile. Questa non farà altro che enfatizzare e valorizzare ancor di più l’effetto desiderato, con una più ampia percezione visiva che i più smaliziati tra gli interior designer suggeriscono però di stemperare con dei tendaggi sì leggeri e molto trasparenti, ma che alternino delle chiarissime tinte per i tessuti quali un tenue tortora, un beige appena accennato, o una delle innumerevoli sfumature di grigio.

A questo espediente si ricollega in maniera diretta anche quello di giocare con alcuni contrasti cromatici sapientemente dosati. Su uno scenario interamente bianco, che è comunque difficile da ottenere in totale uniformità, elementi decorativi quali cornici, oggetti di design o vasi messi in esposizione sui mobili catturano l’attenzione e rendono l’ambiente ancora più attraente e dinamico, e al tempo stesso permettono all’occhio umano di distinguere meglio e valutare il design dei mobili più importanti.

Sfruttare le sfumature del bianco

Alla questione dei contrasti cromatici fin qui descritta si ricollega anche l’opportunità di variare tra le sfumature: è errato infatti credere che “il bianco è bianco e basta”. Qualsiasi designer inorridirebbe sentendo una simile affermazione!
Il rischio di un arredamento “piatto” viene infatti superato in scioltezza grazie ad una palette variegata di sfumature e di varianti del bianco, che contribuiscono alla perfezione ad aggirare l’effetto anonimato. Basti pensare ad una primaria divisione tra il bianco lucido e laccato e quello opaco oppure matt, e già questo sarebbe sufficiente a movimentare l’ambiente.

Tra le altre più diffuse sfumature c’è però il bianco ghiaccio, che può ad esempio essere sfruttato con eccellenti risultati per elementi tessili quali il rivestimento del divano o quello dei cuscini che lo corredano; il bianco cosiddetto “sporco”, che ha il pregio di assumere delle tonalità calde ed accoglienti di sapore quasi vintage; gli stessi effetti di accoglienza li esprime il bianco latte, molto meno rifrangente se paragonato ad esempio al bianco ottico, una sfumatura utilissima per piccoli dettagli da valorizzare e mettere in evidenza ma della quale è meglio non abusare; e poi ancora potremmo elencare il bianco fumo, il bianco avorio… e molti altri ancora!

Il ruolo cruciale del legno

Quando si parla di arredamenti non si può fare a meno di tenere in considerazione che uno dei materiali più sfruttati e presenti in qualsiasi collezione è anche quello ritenuto il più nobile e versatile di tutti: il legno. Nella realizzazione di un arredo Total White il suo ruolo è quello di grande protagonista e non soltanto per la composizione delle linee geometriche e squadrate del mobilio, ma anche per il rivestimento degli ambienti.

Non si può infatti tralasciare che a completamento di questo stile di arredo un parquet prestigioso e realizzato in una tinta sbiancata contribuisce in modo determinante alla visione di insieme, e riesce anche ad aggiungere tocchi di variabilità proprio grazie alle sue venature, trasmettendo sensazioni di calore che nessun altro materiale possiede e scongiurando definitivamente il rischio di impersonalità, specialmente se si opterà per un parquet dagli effetti più anticati. Se hai qualche dubbio sulla resa del parquet, o soprattutto sulla maggior cura che esso necessita, e preferisci un più tradizionale gres porcellanato, potresti però chiarire alcune delle tue perplessità consultando questo articolo sul tema.

Silvia

Related Posts

Lampade da tavolo Tiffany in ambiente moderno, alcuni consigli

Commenti disabilitati su Lampade da tavolo Tiffany in ambiente moderno, alcuni consigli

S.O.S. casa: i prezzi degli infissi

Commenti disabilitati su S.O.S. casa: i prezzi degli infissi

Faretti in gesso: la luce che crea atmosfera

Commenti disabilitati su Faretti in gesso: la luce che crea atmosfera

Arredare il balcone, idee per la bella stagione

Commenti disabilitati su Arredare il balcone, idee per la bella stagione

Dare alla casa lo stile che vuoi, senza scendere a compromessi

Commenti disabilitati su Dare alla casa lo stile che vuoi, senza scendere a compromessi

Come massimizzare gli spazi in una cucina moderna

Commenti disabilitati su Come massimizzare gli spazi in una cucina moderna

Soluzioni di illuminazione per il giardino

Commenti disabilitati su Soluzioni di illuminazione per il giardino

Abbinamento porte e pavimento. Le regole per non sbagliare

Commenti disabilitati su Abbinamento porte e pavimento. Le regole per non sbagliare

Guida alla scelta di un Letto Matrimoniale Comodo

Commenti disabilitati su Guida alla scelta di un Letto Matrimoniale Comodo

Armadi di lusso

Commenti disabilitati su Armadi di lusso

La lampada da tavolo Artemide Tolomeo Micro

Commenti disabilitati su La lampada da tavolo Artemide Tolomeo Micro

Arredare casa con mobili di design: le nuove proposte di Cassina

Commenti disabilitati su Arredare casa con mobili di design: le nuove proposte di Cassina

Create Account



Log In Your Account